stanco

stanco di sentirvi, di auscultare il mio corpo e trovarvi in ogni sua giuntura, in ogni fibra. sono stanco di leggervi, di parlarvi, di confrontarmi cu chi nun vo’ capì. sono stanco ‘e cu me se rutt’o cazzo pure giordano bruno… alè! mo’ pure dint’e cartune? mettiteve scuòrno. sono stanco, no di scampia ca m’ha ‘mparate ‘a sentì, ma di chi ne parla per farne letteratura, spettacoli, film, fiction, arte pinzillacchere… ‘e jà! sono stanco dell’assessore che bacchetta il sindaco e del sindaco che tira la giacchetta alla regione. stanco del governo, del vaticano, della curia, della legge biagi e del pacchetto treu.

pasolini pasolini, pasolì addò staje? altri anni senza di te. senza la tua disperata lucidità, tu, maschera leale di fuori uscito. sono stanco pure di avere un computer ignorante che mi da il tuo cognome come errore suggerendomi pisolini.

qualcuno mi consiglia di andare in vacanza, forse ci andrò! da mesi i servizi cosiddetti servizi alla persona sono sospesi. pare che gli educatori non servono. sono stanco della munnèzza ma se po’ sàpè addò l’aggio jettà? sono stanco delle morti bianche che si dimenticano nello stesso istante che una vita è mozzata. sono stanco di indossare una città di mare solo parzialmente. sono stanco di chi mi dice che napoli è così e che i napoletani sono colà. stanco dei terrapieni che s’innalzano ogni giorno nelle nostre teste, alle nostre spalle. sono sono stanco di sentire che goethe, sartre e pure l’europa sono passati per napoli. ma ‘a mme che me ne fotte? sono stanco della sostanza delle relazioni. sono stanco. si vede?

Annunci

2 pensieri su “stanco

  1. una bella lettura mattutina!come sempre smantelli lessico e smuovi…come se togliessero le tue parole carta da parati a muri che celan vizi

  2. a stanchezza, frate mio è segno e rebulezza? No nun crer ca nu frat c’a luttat e lotta tutte juorn se stanc e napule e da storia canno scritt e letterat. Tu frate mio si Napule Pecchè e de tiemp e chill omm ca fui arrustut ca napule se stancat, do Re e do Santo ca tutt l’ann adda fa verè, pe mman ro poter ca esist e ca smov a rint e viscere o sang sperz e na città ca chiagn, stanca, ma, è chist è punt, NUN S’ARRENN. Allora frate mio a stanchezz è segno e rebulezza? No. e o mument ca da sta stanchezz tiramm a somma e chillu cunt ca e poet e e letterat e nu tiemp antico hanno assummat. E mo tocca a te, ca miett o riest o a rimanenz e chell ca manc o e chell ca rest, pecchè pure si simm stanc e cunt l’amma fa semp. Tutt e juorn.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...