sassi

Sassi. Imperfetti, disseminati, acciottolati: di colore, peso e volume sempre diversi e mai avversi. Sassi pestati o lanciati? Sassi di mare sbattuti e consumati, continuamente velati da teli e asciugamani, nascosti sotto scarpe e sandali. Questi pezzi di roccia si incastrano, a tratti si incastonano e fanno corpo per reggere il peso di scarpe che un attimo prima, chissà per quale solitudine sono servite? Chissà per quale viaggio? Intanto l’idea che si aveva in testa prima di partire anch’essa oggi calpesta quelle splendide pietre pietrose. Sassi rimossi o gettati? Che non troveranno mai pace: schiacciati sotto l’ovale di pedalò, pressati da sedie a sdraio che da soli non reggerebbero nessuna vanità. Sassi. Odiati, bestemmiati da chi ha le vene varicose, da chi soffre di flebiti, poi cercati perché fanno bene alla circolazione. Sassi che da piccoli mettevamo nelle marmitte di macchine che ostacolavano il moto spontaneo del nostro far gioco. Sassi che rallentano il passo. Sassi di periferia un po’ come i Sassi di Matera. Sassi che aiutano le ruote della bici a non scivolare a precipizio in un burrone. Sassi che incorniciano la grotta degli Infreschi. Sassi che duettano con i massi imperiosi della mente. Sassi ancora sassi che lanciati sul pelo dell’acqua suscitano riverberi concentrici e ti schizzano la schiena, baciata dal sole. Sassi che osservati dalla Torre dei Caprioli a strapiombo sul mare luccicano come coccinelle, eppure sono sassi su sassi. Che in questa notte ancora cilentana sognano di essere qualcos’altro, mentre il golfo di Policastro lambisce i loro sospiri ingenui di sassi.

songhe accussì

Sò bammenella ‘e còpp’e quartiere, ‘nu pappèce senza nòce, ‘na scorza ‘e limone; sò viento ca te scummòglie ‘e nun te fà penzà, songhe ‘o sole ca t’abbrucia ‘e carne ‘e te scatascia l’ossa. Nu grumo ‘e sale fino miezo ‘e riènte.

M’aggio perzo dint’o traffico d’ ‘a vita, ‘e vòta cu l’anema sosta dint’e casa nòva; addò ‘e guagliune m’alleggerìscene ‘o core ‘e me ‘mparano ‘a sentì.
Songhe accussì
songhe chillu spilungòne che ricci niro comme ‘a pece, ca tu mitteve sempe arèto ‘a tutto, senza sapè sì teneve ‘o core rutto; ‘o pecché facevo ‘o burdello nun l’è maje capito ‘e me vuttave ‘o ‘mbrèllo. Non si fa.

Songhe ‘na lucertola, ‘na pecora d’ ‘acerra, ‘na falanghina ca sape ‘e solfiti ‘e biopresto. Songhe chillo ca te ‘nchiaveca ‘o vetro ‘a ogni semaforo.
Songhe nu gabbiano niro ‘e quàtto juorno miezo piazza dante, ca scave pe’ dint’a ‘na sacchetta ‘e munnezza comm’e tte; tra ‘na buàtta, na scorza fràceta ‘e mela annurca ‘e ‘na blatta.

Songhe chello ca tu ‘e criato ‘e mo’ me vuò cagnà.
Songhe rapace, ‘ncapace ‘a capì, parla ma chiano: tengo miezo neurone, ‘a sinapsi nun ‘a pozzo fà. È mò famme sentì ca vuò fà?

Songhe accussì
‘na janara ‘e prumessa ca primma ‘o doppo tu me spiegà ‘o pecché? Ma nun fà ‘o filòsefo e nun cercà parole ‘e zucchero pe’ m’ho spiegà. Songo ‘na puttana cu ‘e parole ‘e dint’a capa tengo ‘e voce abbrucate ‘e chi ha strillato primma, fà ‘na cosa stamme ‘a sentì pigliate ‘sti enunciati sillogistici da sempre avulsi da qualsiasi realtà ‘e astipàtille, nun fanno effetto cu mme.

Te cunziglio pure ‘e nu pazzià cchiù cu ‘a frammentazione, ‘e lassa ‘sta l’essere e il divenire. T’aggia dìtto comme songhe

Songhe senza ‘n omme, senza titolo, senza traccia ma tu quanno passa ‘a ccà uardame ‘nfaccia, songhe ‘na semmenzèlla ma senza capocchia, perciò sott’e mura statt’accorto, ca comme ‘na zoccola vecchia: primma te mòzzeca ‘e doppo te ‘nfila: cu tutt’a ràggia ca ce vuttàte dint’e vene, grande elle pe’ nu dicere lòta.

Songhe accussì nu vegetale ‘e voglia ‘e me ruciulià int’all’èvera, sentenne ‘o prufumo ‘e nu ciclamino ca s’arape cu ‘na margherita, mentre je m’assetto sotto ‘a n’albero d’aulive ‘e me rigénero cu ‘na pummarola ‘e surriento ‘e ‘na fronna ‘e vasenicòla: uardanne l’orizzonte.

pensavo

Pensavo a Mergellina con le sue scorie, con i suoi figli migliori, truffaldini e mezzetacche. Pensavo al castel dell’Ovo c’annasconne oro ‘e munnezza. Pensavo a Cuma e a Ersilia Maria Crisci. Pensavo al volto di una donna della Tanzania, pensavo a Buenaventura Durruti, pensavo ad un vecchio proverbio swahili, pensavo ai miei fraterni amici. Pensavo alle carceri, pensavo a Herry Miller, a Mumia Abu-Jamal. A Gregory Corso. A Miriam Makeba. Pensavo al costo di un’altalena in un parco, di uno scivolo e a quanti sorrisi di infanti si spalancano. Pensavo a mio padre che era un gran d’uomo e a mia madre ca tene ‘e palle quadrate: pure sì essa nun ‘o ssape. Pensavo a Prince, a Maya e ai tanti bambini, adolescenti che ho conosciuto: vorrei riuscire ad essere per ognuno di loro; lana per l’inverno e borraccia d’acqua in estate, vorrei accogliere i loro sogni e facilitarli lungo l’istmo della vita. Incendiare la piccineria, lo spread, il 27, il 31 e il 5 di ogni mese. Pensavo a Jean Genet e al suo sguardo pulito sul mondo. Pensavo alle quattro giornate di Napoli. Pensavo al mestiere  di educatore che nel bene e nel male svolgo e che ho imparato a fare attraverso il dolore, le destrutturazioni, le contraddizioni, le distorsioni che la società genera, amplifica, le estende. Pensavo alla 167 di Scampia, al mio cuore, a Secondigliano, Miano, Piscinola, Marianella. Pensavo a Torquato Tasso, a Pasolini, ai Crepuscolari e allo spleen di Baudelaire: a Irene che me li ha fatti conoscere è se n’è ghiuto senza fare rumore, prima che ci confrontassimo sulla loro poetica; pensavo al suo garbo, ai suoi occhi fieri e sfacciati. Pensavo…, mentre nella città sottovuota ancora si generano violenze su violenze, ancora lobby, ancora intrallazzi, ancora accordi sotto banco. Ancora faccendieri. Ancora assenza di vita e meraviglia.

contromano

Dice verità: chi? Risponde domanda. Il sax è seduto in custodia gli fa compagnia la polvere. La voce è assente spiffera la rugosità di una tonalità anarchica. L’assenza di una presenza mi ricorda mia nonna. Ed ecco che ripesco  nella mente bambini sul bagnasciuga spruzzarsi acqua e diffondere sorrisi immacolati.

Chiede silenzio a che punto è l’armonia dei fiati? Il cuore pompa la polpa di un battito non ancora battuto: batte forte a perdifiato corre sull’ovale prato di granturco.

Nella meraviglia dell’attesa si srotola il pettirosso ferito che tratteggia l’ascesa della mente e sussurra: aluta continua, la lotta continua.

L’assolo dell’ottone permane nelle risaie e nei campi elisi della mente; ancora acerba.

‘na sera

Toh!

E’ ‘na sera comme nàta/pure sì nun vo’ essere uguale ‘a chell’ata/è ‘na sera ca nun s’arriva ‘a pere né cu ‘e mane/

‘o rinculo ‘e ‘na jurnata ca t’ha futtuto ‘o respiro ‘e vestuto d’affanne/te fà popò.

E’ na sera ca nun suppuorte ‘a casa ròtta/l’amico ca te parla, chillato ca te cunziglio,‘a guagliòna ca te sfruculè/

‘ntanto ‘e macchine passane ‘e penziere te sputane ‘nfaccia;

E’ accussì cuscienza, critica ‘e dialettica hanno pusate ‘e fierre/comme scarpe nòva ‘a fòra è vecchia ‘a dinto/

comme ‘a dicere ogge no, ma dimane sì.

E’ ‘na sera comme è nàta ‘o ciato comm’è sempe se smarca/è dà centro campo tira ‘a cuollo chiàto no pe’ signà/

ma pe’ capì addò c’ha fà ancora arrivà.

E’ ‘na sera addò ‘e panne ‘e lanta nun vestene cchiù chille ‘e mje/eppure meco currja/ancora!