stanco

Sono stanco: stanco di sentirvi, di auscultare il mio corpo e trovarvi in ogni sua giuntura, in ogni fibra di questo albero di carne che da tempo mi segue… fatto di sangue e nervi. Sono stanco di leggervi, di parlarvi, di sentirvi, di confrontarmi cu chi nun vo’ capì. Sono stanco ‘e cu me se rutt’o cazzo pure Giordano Bruno… ca starà penzanne: ca mamma d’ ‘a maronna nun v’è bastato ‘a m’abbrucià? Mo’ pure dint’e cartune?  Mettiteve scuòrno. Sono stanco no di Scampia ca m’ha ‘mparate ‘a fà l’Omme e mi ha dato il privilegio di conoscere il volto reale dell’amicizia e della resilienza, ma di chi ne parla, ne scrive, ne fa spettacoli, film, arte, educazione, pinzillacchere… pon puf e paf ma sempre a 15 chilometri di distanza e sempre nel periodo giusto per lui e pe’ chicchirichì. Sono stanco dell’essere umano che si spenzola sempre per apparire; chesta è ‘a zita è se chiamme sàbella, dicevano gli antichi, a chi ‘o caviale ‘a chi ‘a murtatella, aggiungo io. Sono stanco dell’assessore che bacchetta il sindaco e del sindaco che tira la giacchetta alla regione. Stanco di chi ci strattona, ce ‘nguacchia ‘a capa ‘e s’arrobbe ‘e respire. Stanco del governo, del vaticano, della curia, della legge Biagi e del pacchetto Treu. Sono stanco d’ ‘o paraviso, d’ ‘o purgatorio, di Dante e Bakunin. Pasolini Pasolini, Pasolì addò staje? Altri anni senza di te. La tua lucida leale e disperata maschera sul grigiore truffaldino piccino. Sono stanco di avere un computer ignorante che mi consiglia Pisolini. Ah, qualcuno mi consiglia di andare in vacanza, forse ci andrò tanto l’ho detto in più occasioni: i servizi cosiddetti alla persona in questo paese non sono una priorità, non servono educatori preparati ed esperti, serve chi sa servire, chi mantène ‘o carro p’ ‘a scèsa, serve ‘o volontario, l’esercito, serve chi coadiuva lo status quo ma strizza l’occhio alla cultura. Sono stanco della munnèzza ma se po’ sàpè addò l’aggio jttà, ma soprattutto dove? Sono stanco del napoli e di chi ne parla, come ne parla. Sono stanco delle morti bianche che si dimenticano nello stesso istante che una vita è mozzata. Sono stanco di indossare una città di mare solo parzialmente. Sono stanco di chi mi dice che napoli è così e che i napoletani sono colà. Stanco dei terrapieni che innalzano ogni giorno nelle nostre teste, alle nostre spalle. Sono stanco perché sto perdendo il rapporto con la natura, con la bellezza, con la meraviglia. Sono stanco nel constatare che le relazioni umane sempre più spesso sono attraversate da ettolitri di alcol. Sono stanco di chi pensa di essere più furbo di me e di sapere cosa penso e in cosa sono manchevole. Sono stanco di una nomea che in tutto e niente non incarna il battito del mio respiro.  Stanco sono di chi assorbe di napoli il peggio e poi con infamante triangolare arbitrarietà la tratteggia. Sono stanco di sentire che Goethe, Sartre e pure l’europa sono passati per napoli. Ma ‘a mme che me ne fotte? Sono stanco. Si vede?

Annunci

songhe accussì

Sò bammenella ‘e còpp’e quartiere, ‘nu pappèce senza nòce, ‘na scorza ‘e limone; sò viento ca te scummòglie ‘e nun te fà penzà, songhe ‘o sole ca t’abbrucia ‘e carne ‘e te scatascia l’ossa. Nu grumo ‘e sale fino miezo ‘e riènte.

M’aggio perzo dint’o traffico d’ ‘a vita, ‘e vòta cu l’anema sosta dint’e casa nòva; addò ‘e guagliune m’alleggerìscene ‘o core ‘e me ‘mparano ‘a sentì.
Songhe accussì
songhe chillu spilungòne che ricci niro comme ‘a pece, ca tu mitteve sempe arèto ‘a tutto, senza sapè sì teneve ‘o core rutto; ‘o pecché facevo ‘o burdello nun l’è maje capito ‘e me vuttave ‘o ‘mbrèllo. Non si fa.

Songhe ‘na lucertola, ‘na pecora d’ ‘acerra, ‘na falanghina ca sape ‘e solfiti ‘e biopresto. Songhe chillo ca te ‘nchiaveca ‘o vetro ‘a ogni semaforo.
Songhe nu gabbiano niro ‘e quàtto juorno miezo piazza dante, ca scave pe’ dint’a ‘na sacchetta ‘e munnezza comm’e tte; tra ‘na buàtta, na scorza fràceta ‘e mela annurca ‘e ‘na blatta.

Songhe chello ca tu ‘e criato ‘e mo’ me vuò cagnà.
Songhe rapace, ‘ncapace ‘a capì, parla ma chiano: tengo miezo neurone, ‘a sinapsi nun ‘a pozzo fà. È mò famme sentì ca vuò fà?

Songhe accussì
‘na janara ‘e prumessa ca primma ‘o doppo tu me spiegà ‘o pecché? Ma nun fà ‘o filòsefo e nun cercà parole ‘e zucchero pe’ m’ho spiegà. Songo ‘na puttana cu ‘e parole ‘e dint’a capa tengo ‘e voce abbrucate ‘e chi ha strillato primma, fà ‘na cosa stamme ‘a sentì pigliate ‘sti enunciati sillogistici da sempre avulsi da qualsiasi realtà ‘e astipàtille, nun fanno effetto cu mme.

Te cunziglio pure ‘e nu pazzià cchiù cu ‘a frammentazione, ‘e lassa ‘sta l’essere e il divenire. T’aggia dìtto comme songhe

Songhe senza ‘n omme, senza titolo, senza traccia ma tu quanno passa ‘a ccà uardame ‘nfaccia, songhe ‘na semmenzèlla ma senza capocchia, perciò sott’e mura statt’accorto, ca comme ‘na zoccola vecchia: primma te mòzzeca ‘e doppo te ‘nfila: cu tutt’a ràggia ca ce vuttàte dint’e vene, grande elle pe’ nu dicere lòta.

Songhe accussì nu vegetale ‘e voglia ‘e me ruciulià int’all’èvera, sentenne ‘o prufumo ‘e nu ciclamino ca s’arape cu ‘na margherita, mentre je m’assetto sotto ‘a n’albero d’aulive ‘e me rigénero cu ‘na pummarola ‘e surriento ‘e ‘na fronna ‘e vasenicòla: uardanne l’orizzonte.

parlami

Parlami ma questa volta non sbattere le labbra nel cercare le parole: esse si faranno trovare non appena le avrai dimenticate. Parlami come se non fossi io ad ascoltarti. Non violentare quel meraviglioso accadere. Le parole lo sanno da sé quale galleria attraversare e che accento dovrà indossarle. Non è un caso se non riesci a parlarmi. Non sono refrattario ma impermeabile al tuo pensierar. Mi chiedi il perché? – È capitato! – ti rispondo.

Potrei aggiungere che il tono che usi mi disgusta, oppure quel tuo voler creare a tutti i costi contatto, essere simpatia, creare effetto. Mi sa di clericalismo laico del tutto superato. C’è stato affidato il suono e nessuna proprietà, smettila di procedere arresta l’arranco che ti inchioda e offende l’intelligenza che un giorno hai trovato nel corpo.

Mi chiedi se hai possibilità? – Il problema è il tuo voler misurare ogni cosa.

È capitato, se continuo a scornarmi con il vento. È capitato, se nel cuore ho il mare e nell’anima il carnevale. Ci sono luoghi della mente ancora da arredare. Ci sono occhi che hanno taciuto e spade che hanno ballato.

Ci sono lontananze da vivere, adesso, sono mani che rovistano negli interstizi. È stomaco che sente. È un tempo nel tempo: che se vorrai avrà per te pneumatici che ti aiuteranno ad attraversare strade sterrate. Sarà un tempo diagonale ad accompagnarti. Non fare domande. Cessàti. Lascia che sia.

la vicina siria

La Siria è vicina. Damasco è a tre passi da dove vivo, eppure il mondo si fa lontano da noi, si perde nelle chiacchiere del dopo cena. Imbrocca strade e sistemi che giustifica come se avesse bigiato scuola: siamo fuori la scuola di nostra vita, mentre il muezzin canta disperato per il sangue che stilla dalla sua-mia terra per mano di altri. Canta questo fratello da un minareto immaginario. Sospeso tra corpi esanimi e paura di non farcela. Canta, canta senza voce, il vento secco e ferroso lambisce ogni fibra, i suoi nervi sono corde di liuto dove arpeggia il suo incontenibile canto di dolore. Mentre la Russia si è ingurgitata strade e fagioli e con il suo culo moscio bombarda bambini, anziani, donne e uomini. E continua a mortificare la radice di questo popolo, cercando nel mutismo alleati, nel traffico putrefatto della storia di ieri: l’omertà di oggi. In queste situazioni i sentimenti si frastagliano, gli opposti si attraggono, le parole non servono ma attraverso di loro si può trovare un modo, per farsi rivolo o volano. Le parole sanno essere balsamiche o spigolose.

La lettera che segue è di Khaled Khalifa.

http://www.nazioneindiana.com/2012/02/09/lettera-aperta-agli-scrittori-di-tutto-il-mondo/

vattene 2011

Vattene 2011 esci da me e da tutti noi, scappa non farti più trovare con quest’aria putrefatta che ha incatramato pure l’aria che respiriamo, vattene figlio di puttana tu e la crisi, lo spread e la manovra cresci italia; qui non cresce niente tranne il malessere e la percezione di sentirsi sempre di più un capitone senz’aria, senz’acqua sbattuto nella padella dal boia di turno. Vattene 2011 e dammi i miei soldi che aspetto da due anni da una politica che valuta i servizi rivolti all’infanzia e all’adolescenza meno di una bottiglia di berlucchi, meno di un pacchetto di sigarette comprato a forcella, meno di zero. Vattene non è una minaccia, non ho tempo né voglia ma spezza la tua coda colma di fiele che ha scudisciato abbastanza quest’anno: ogni esistenza, ogni possibile vagito di socialità, ogni (r)esistenza. Vattene 2011 e riportami i sorrisi a 32 denti di fratelli emigrati, riportami Valerio, Torcia, Rossella, Carla, Enzuccio, Rino, Mena e Checco ferryboat, fieri e contenti di restare nello stivale, soddisfatti perché riconosciuti per il loro talento, il loro agire. E’ solo un auspicio, lo so, un desiderio ma stasera allo spuntare della mezzanotte non farti trovare quando brinderò al tuo commiato, vattene un attimo prima. Amen.