sassi

sassi. imperfetti, disseminati, acciottolati, di colore, peso e volume sempre diversi. sassi pestati o lanciati? sassi di mare sbattuti. consumati, continuamente vestiti da teli, asciugamani. nascosti sotto scarpe o sandali. pezzi di roccia incastonati, fanno corpo, gruppo per reggere il peso di solitudini. chissà per quale viaggio? sassi rimossi o gettati? non troveranno mai pace. schiacciati sotto l’ovale di pedalò a riposo, pressati sotto sedie a sdraio.

sassi. odiati, bestemmiati da chi ha le vene varicose o soffre di flebiti, poi cercati perché fanno bene alla circolazione. non gli stessi sassi che da piccoli mettevamo nelle buie marmitte di macchine, ostacolanti il passaggio di felicità. sassi di periferia un po’ come i sassi di matera. sassi che aiutano le ruote della bici a non scivolare a precipizio. sassi che incorniciano la grotta degli infreschi. sassi che duettano con i massi imperiosi della mente. sassi che osservati dalla torre dei caprioli a strapiombo sul mare luccicano come coccinelle. eppure sono sassi su sassi. che in questa notte ancora cilentana sognano di essere qualcos’altro, con il golfo di policastro che lambisce i sospiri ingenui.

Annunci

stanco

stanco di sentirvi, di auscultare il mio corpo e trovarvi in ogni sua giuntura, in ogni fibra. sono stanco di leggervi, di parlarvi, di confrontarmi cu chi nun vo’ capì. sono stanco ‘e cu me se rutt’o cazzo pure giordano bruno… alè! mo’ pure dint’e cartune? mettiteve scuòrno. sono stanco, no di scampia ca m’ha ‘mparate ‘a sentì, ma di chi ne parla per farne letteratura, spettacoli, film, fiction, arte pinzillacchere… ‘e jà! sono stanco dell’assessore che bacchetta il sindaco e del sindaco che tira la giacchetta alla regione. stanco del governo, del vaticano, della curia, della legge biagi e del pacchetto treu.

pasolini pasolini, pasolì addò staje? altri anni senza di te. senza la tua disperata lucidità, tu, maschera leale di fuori uscito. sono stanco pure di avere un computer ignorante che mi da il tuo cognome come errore suggerendomi pisolini.

qualcuno mi consiglia di andare in vacanza, forse ci andrò! da mesi i servizi cosiddetti servizi alla persona sono sospesi. pare che gli educatori non servono. sono stanco della munnèzza ma se po’ sàpè addò l’aggio je ‘a ittà? sono stanco delle morti bianche che si dimenticano nello stesso istante che una vita è mozzata. sono stanco di indossare una città di mare solo parzialmente. sono stanco di chi mi dice che napoli è così e che i napoletani sono colà. stanco dei terrapieni che s’innalzano ogni giorno nelle nostre teste, alle nostre spalle. sono sono stanco di sentire che goethe, sartre e pure l’europa sono passati per napoli. ma ‘a mme che me ne fotte? sono stanco della sostanza delle relazioni. sono stanco. si vede?

songhe je

sò bammenella ‘e còpp’e quartiere,

‘nu pappèce senza nòce,

‘na scorza ‘e limone.

sò viento ca te scummòglie,

songhe ‘o sole ca t’abbrucia. ‘e carne ‘e te scatascia l’ossa.

nu grumo ‘e sale fino miezo ‘e riènte. chesta songhe

‘o passato ‘e nu spilungòne che ricci, ca tu mittev’ sempe arèto ‘a tutto, senza sapè sì teneve ‘o core rutto, me vuttave ‘o ‘mbrèll’ quanno faceva ‘o burdell’

songhe ancora accussì, songhe nu gabbiano niro ‘e quàtto juorno miezo piazza dante, ca scave dint’a ‘na sacchetta ‘e munnezza tra ‘na buàtta, na scorza fràceta ‘e mela annurca ‘e na blatta,

songhe chello ca tu ‘e criato ‘e mo’ me vulisse cagnà
songhe rapace, songhe accussì. ‘e dint’a capa tengo ‘e voce abbrucate ‘e chi ha strillato primma

songhe senza ‘n omme, senza,

è ‘o titolo, ‘e accussì me ruciulè int’all’èvera, sentenne ‘o prufumo ‘e nu ciclamino ca s’arape cu ‘na margherita,

assett’ sotto ‘a n’albero d’aulive, uardanne l’orizzonte.

parlami

parlami ma questa volta non sbattere le labbra nel cercare le parole: esse si faranno trovare non appena le avrai dimenticate. parlami come se non fossi io ad ascoltarti. non violentare quel meraviglioso accadere. le parole lo sanno da sé quale galleria attraversare e che accento dovrà indossarle. non è un caso se non riesci a parlarmi. non sono refrattario ma impermeabile al tuo pensierar.                                                                      mi chiedi il perché? “è capitato”, ti rispondo.                                                                                potrei aggiungere che il tono che usi mi disgusta, quel tuo voler essere simpatia.             mi sa di clericalismo laico del tutto superato.                                                                                c’è stato affidato il suono e nessuna proprietà, smettila di procedere arresta l’arranco che ti inchioda e offende l’intelligenza che un giorno hai trovato nel corpo. mi chiedi ancora se hai possibilità? il problema è il tuo voler misurare ogni cosa.                                               è capitato, se continuo a scornarmi con il vento. è capitato, se nel cuore ho il mare e nell’anima il carnevale. ci sono luoghi della mente ancora da arredare. ci sono occhi che hanno taciuto e spade che hanno ballato. ci sono lontananze da vivere e mani da liberare. è stomaco che sente. è un tempo nel tempo che se vorrai avrà per te pneumatici che ti aiuteranno ad attraversare strade sterrate. sarà un tempo diagonale ad accompagnarti. non fare domande. cessàti. lascia che sia.

contromano

dice verità: chi? risponde domanda. il sax è seduto in custodia gli fa compagnia la polvere. la voce è assente, spiffera la rugosità di una tonalità anarchica. l’assenza di presenza lascia il ricordo al ricordo di mia nonna.
ed ecco che ripesco nella mente bambini sul bagnasciuga spruzzarsi acqua e diffondere sorrisi immacolati.

chiede silenzio: a che punto è l’armonia dei fiati? il cuore pompa la polpa di un battito non ancora battuto. batte forte a perdifiato e corre sull’ovale prato di granturco. nell’attesa si srotola l’ascesa della mente: a luta continua, la lotta continua. dice. l’assolo dell’ottone permane nelle risaie come nei campi ancora elisi.

il merlo giacobino

Prologo:

Renitente/

serico piumaggio/

assolato e curvo/

aerodinamico/:

s’apostrofa/

Mugghiato da sempre:/

senza mai restare;

sazia la volta/.

In una notte gassosa

Giacobino di nome/

Il merlo

stirò il becco e riscosse;/

Il regno vitale di acqua precipitata.

Monologo:

Finché sono stato in gabbia, ho percepito la vivezza delle ossa coperte dal pennuto che ho dovuto abitare.

L’annaspo è posizione dell’infante, mentre la grazia come la pena è pezza che veste l’anima non il succo.

Io sono un merlo e nelle mie fibra spenzolarmi nella calotta di coscienza, per farlo forzo le scapole, come il nascituro saggia il limite, mentre carponi.

Siamo entrambi migranti come le stelle, il silenzio, il plenilunio.

Il migrante è uccello di frontiera è incapace di restare. Transita: non cessa mai d’essere un clandestino della specie.

Acerrimo volatile della latitudine che a croce di volo, si sospende di traverso, virando nell’ovunque spettina la longitudine che ognór lo respinge.

In quei momenti il tempo smette di ragliare, accade che il precipitante sia intrappolato, ma dove?

Anche quella notte senza restare stavo nel traffico di gravità, sparato dalla calotta e leccato dalla superficie; danzando sopra la piccineria di voi umani, prossimo ad una discarica a cielo capovolto. Che di rosso s’ombreggiò.

Da quella notte il lamento della specie si è avvinghiato al corpo che vesto e nell’infinito si perde.