songhe accussì

Sò bammenella ‘e còpp’e quartiere, ‘nu pappèce senza nòce, ‘na scorza ‘e limone; sò viento ca te scummòglie ‘e nun te fà penzà, songhe ‘o sole ca t’abbrucia ‘e carne ‘e te scatascia l’ossa. Nu grumo ‘e sale fino miezo ‘e riènte.

M’aggio perzo dint’o traffico d’ ‘a vita, ‘e vòta cu l’anema sosta dint’e casa nòva; addò ‘e guagliune m’alleggerìscene ‘o core ‘e me ‘mparano ‘a sentì.
Songhe accussì
songhe chillu spilungòne che ricci niro comme ‘a pece, ca tu mitteve sempe arèto ‘a tutto, senza sapè sì teneve ‘o core rutto; ‘o pecché facevo ‘o burdello nun l’è maje capito ‘e me vuttave ‘o ‘mbrèllo. Non si fa.

Songhe ‘na lucertola, ‘na pecora d’ ‘acerra, ‘na falanghina ca sape ‘e solfiti ‘e biopresto. Songhe chillo ca te ‘nchiaveca ‘o vetro ‘a ogni semaforo.
Songhe nu gabbiano niro ‘e quàtto juorno miezo piazza dante, ca scave pe’ dint’a ‘na sacchetta ‘e munnezza comm’e tte; tra ‘na buàtta, na scorza fràceta ‘e mela annurca ‘e ‘na blatta.

Songhe chello ca tu ‘e criato ‘e mo’ me vuò cagnà.
Songhe rapace, ‘ncapace ‘a capì, parla ma chiano: tengo miezo neurone, ‘a sinapsi nun ‘a pozzo fà. È mò famme sentì ca vuò fà?

Songhe accussì
‘na janara ‘e prumessa ca primma ‘o doppo tu me spiegà ‘o pecché? Ma nun fà ‘o filòsefo e nun cercà parole ‘e zucchero pe’ m’ho spiegà. Songo ‘na puttana cu ‘e parole ‘e dint’a capa tengo ‘e voce abbrucate ‘e chi ha strillato primma, fà ‘na cosa stamme ‘a sentì pigliate ‘sti enunciati sillogistici da sempre avulsi da qualsiasi realtà ‘e astipàtille, nun fanno effetto cu mme.

Te cunziglio pure ‘e nu pazzià cchiù cu ‘a frammentazione, ‘e lassa ‘sta l’essere e il divenire. T’aggia dìtto comme songhe

Songhe senza ‘n omme, senza titolo, senza traccia ma tu quanno passa ‘a ccà uardame ‘nfaccia, songhe ‘na semmenzèlla ma senza capocchia, perciò sott’e mura statt’accorto, ca comme ‘na zoccola vecchia: primma te mòzzeca ‘e doppo te ‘nfila: cu tutt’a ràggia ca ce vuttàte dint’e vene, grande elle pe’ nu dicere lòta.

Songhe accussì nu vegetale ‘e voglia ‘e me ruciulià int’all’èvera, sentenne ‘o prufumo ‘e nu ciclamino ca s’arape cu ‘na margherita, mentre je m’assetto sotto ‘a n’albero d’aulive ‘e me rigénero cu ‘na pummarola ‘e surriento ‘e ‘na fronna ‘e vasenicòla: uardanne l’orizzonte.

parlami

Parlami ma questa volta non sbattere le labbra nel cercare le parole: esse si faranno trovare non appena le avrai dimenticate. Parlami come se non fossi io ad ascoltarti. Non violentare quel meraviglioso accadere. Le parole lo sanno da sé quale galleria attraversare e che accento dovrà indossarle. Non è un caso se non riesci a parlarmi. Non sono refrattario ma impermeabile al tuo pensierar. Mi chiedi il perché? – È capitato! – ti rispondo.

Potrei aggiungere che il tono che usi mi disgusta, oppure quel tuo voler creare a tutti i costi contatto, essere simpatia, creare effetto. Mi sa di clericalismo laico del tutto superato. C’è stato affidato il suono e nessuna proprietà, smettila di procedere arresta l’arranco che ti inchioda e offende l’intelligenza che un giorno hai trovato nel corpo.

Mi chiedi se hai possibilità? – Il problema è il tuo voler misurare ogni cosa.

È capitato, se continuo a scornarmi con il vento. È capitato, se nel cuore ho il mare e nell’anima il carnevale. Ci sono luoghi della mente ancora da arredare. Ci sono occhi che hanno taciuto e spade che hanno ballato.

Ci sono lontananze da vivere, adesso, sono mani che rovistano negli interstizi. È stomaco che sente. È un tempo nel tempo: che se vorrai avrà per te pneumatici che ti aiuteranno ad attraversare strade sterrate. Sarà un tempo diagonale ad accompagnarti. Non fare domande. Cessàti. Lascia che sia.

pensavo

Pensavo a Mergellina con le sue scorie, con i suoi figli migliori, truffaldini e mezzetacche. Pensavo al castel dell’Ovo c’annasconne oro ‘e munnezza. Pensavo a Cuma e a Ersilia Maria Crisci. Pensavo al volto di una donna della Tanzania, pensavo a Buenaventura Durruti, pensavo ad un vecchio proverbio swahili, pensavo ai miei fraterni amici. Pensavo alle carceri, pensavo a Herry Miller, a Mumia Abu-Jamal. A Gregory Corso. A Miriam Makeba. Pensavo al costo di un’altalena in un parco, di uno scivolo e a quanti sorrisi di infanti si spalancano. Pensavo a mio padre che era un gran d’uomo e a mia madre ca tene ‘e palle quadrate: pure sì essa nun ‘o ssape. Pensavo a Prince, a Maya e ai tanti bambini, adolescenti che ho conosciuto: vorrei riuscire ad essere per ognuno di loro; lana per l’inverno e borraccia d’acqua in estate, vorrei accogliere i loro sogni e facilitarli lungo l’istmo della vita. Incendiare la piccineria, lo spread, il 27, il 31 e il 5 di ogni mese. Pensavo a Jean Genet e al suo sguardo pulito sul mondo. Pensavo alle quattro giornate di Napoli. Pensavo al mestiere  di educatore che nel bene e nel male svolgo e che ho imparato a fare attraverso il dolore, le destrutturazioni, le contraddizioni, le distorsioni che la società genera, amplifica, le estende. Pensavo alla 167 di Scampia, al mio cuore, a Secondigliano, Miano, Piscinola, Marianella. Pensavo a Torquato Tasso, a Pasolini, ai Crepuscolari e allo spleen di Baudelaire: a Irene che me li ha fatti conoscere è se n’è ghiuto senza fare rumore, prima che ci confrontassimo sulla loro poetica; pensavo al suo garbo, ai suoi occhi fieri e sfacciati. Pensavo…, mentre nella città sottovuota ancora si generano violenze su violenze, ancora lobby, ancora intrallazzi, ancora accordi sotto banco. Ancora faccendieri. Ancora assenza di vita e meraviglia.