sassi

Sassi. Imperfetti, disseminati, acciottolati: di colore, peso e volume sempre diversi e mai avversi. Sassi pestati o lanciati? Sassi di mare sbattuti e consumati, continuamente velati da teli e asciugamani, nascosti sotto scarpe e sandali. Questi pezzi di roccia si incastrano, a tratti si incastonano e fanno corpo per reggere il peso di scarpe che un attimo prima, chissà per quale solitudine sono servite? Chissà per quale viaggio? Intanto l’idea che si aveva in testa prima di partire anch’essa oggi calpesta quelle splendide pietre pietrose. Sassi rimossi o gettati? Che non troveranno mai pace: schiacciati sotto l’ovale di pedalò, pressati da sedie a sdraio che da soli non reggerebbero nessuna vanità. Sassi. Odiati, bestemmiati da chi ha le vene varicose, da chi soffre di flebiti, poi cercati perché fanno bene alla circolazione. Sassi che da piccoli mettevamo nelle marmitte di macchine che ostacolavano il moto spontaneo del nostro far gioco. Sassi che rallentano il passo. Sassi di periferia un po’ come i Sassi di Matera. Sassi che aiutano le ruote della bici a non scivolare a precipizio in un burrone. Sassi che incorniciano la grotta degli Infreschi. Sassi che duettano con i massi imperiosi della mente. Sassi ancora sassi che lanciati sul pelo dell’acqua suscitano riverberi concentrici e ti schizzano la schiena, baciata dal sole. Sassi che osservati dalla Torre dei Caprioli a strapiombo sul mare luccicano come coccinelle, eppure sono sassi su sassi. Che in questa notte ancora cilentana sognano di essere qualcos’altro, mentre il golfo di Policastro lambisce i loro sospiri ingenui di sassi.

songhe accussì

Sò bammenella ‘e còpp’e quartiere, ‘nu pappèce senza nòce, ‘na scorza ‘e limone; sò viento ca te scummòglie ‘e nun te fà penzà, songhe ‘o sole ca t’abbrucia ‘e carne ‘e te scatascia l’ossa. Nu grumo ‘e sale fino miezo ‘e riènte.

M’aggio perzo dint’o traffico d’ ‘a vita, ‘e vòta cu l’anema sosta dint’e casa nòva; addò ‘e guagliune m’alleggerìscene ‘o core ‘e me ‘mparano ‘a sentì.
Songhe accussì
songhe chillu spilungòne che ricci niro comme ‘a pece, ca tu mitteve sempe arèto ‘a tutto, senza sapè sì teneve ‘o core rutto; ‘o pecché facevo ‘o burdello nun l’è maje capito ‘e me vuttave ‘o ‘mbrèllo. Non si fa.

Songhe ‘na lucertola, ‘na pecora d’ ‘acerra, ‘na falanghina ca sape ‘e solfiti ‘e biopresto. Songhe chillo ca te ‘nchiaveca ‘o vetro ‘a ogni semaforo.
Songhe nu gabbiano niro ‘e quàtto juorno miezo piazza dante, ca scave pe’ dint’a ‘na sacchetta ‘e munnezza comm’e tte; tra ‘na buàtta, na scorza fràceta ‘e mela annurca ‘e ‘na blatta.

Songhe chello ca tu ‘e criato ‘e mo’ me vuò cagnà.
Songhe rapace, ‘ncapace ‘a capì, parla ma chiano: tengo miezo neurone, ‘a sinapsi nun ‘a pozzo fà. È mò famme sentì ca vuò fà?

Songhe accussì
‘na janara ‘e prumessa ca primma ‘o doppo tu me spiegà ‘o pecché? Ma nun fà ‘o filòsefo e nun cercà parole ‘e zucchero pe’ m’ho spiegà. Songo ‘na puttana cu ‘e parole ‘e dint’a capa tengo ‘e voce abbrucate ‘e chi ha strillato primma, fà ‘na cosa stamme ‘a sentì pigliate ‘sti enunciati sillogistici da sempre avulsi da qualsiasi realtà ‘e astipàtille, nun fanno effetto cu mme.

Te cunziglio pure ‘e nu pazzià cchiù cu ‘a frammentazione, ‘e lassa ‘sta l’essere e il divenire. T’aggia dìtto comme songhe

Songhe senza ‘n omme, senza titolo, senza traccia ma tu quanno passa ‘a ccà uardame ‘nfaccia, songhe ‘na semmenzèlla ma senza capocchia, perciò sott’e mura statt’accorto, ca comme ‘na zoccola vecchia: primma te mòzzeca ‘e doppo te ‘nfila: cu tutt’a ràggia ca ce vuttàte dint’e vene, grande elle pe’ nu dicere lòta.

Songhe accussì nu vegetale ‘e voglia ‘e me ruciulià int’all’èvera, sentenne ‘o prufumo ‘e nu ciclamino ca s’arape cu ‘na margherita, mentre je m’assetto sotto ‘a n’albero d’aulive ‘e me rigénero cu ‘na pummarola ‘e surriento ‘e ‘na fronna ‘e vasenicòla: uardanne l’orizzonte.

contromano

Dice verità: chi? Risponde domanda. Il sax è seduto in custodia gli fa compagnia la polvere. La voce è assente spiffera la rugosità di una tonalità anarchica. L’assenza di una presenza mi ricorda mia nonna. Ed ecco che ripesco  nella mente bambini sul bagnasciuga spruzzarsi acqua e diffondere sorrisi immacolati.

Chiede silenzio a che punto è l’armonia dei fiati? Il cuore pompa la polpa di un battito non ancora battuto: batte forte a perdifiato corre sull’ovale prato di granturco.

Nella meraviglia dell’attesa si srotola il pettirosso ferito che tratteggia l’ascesa della mente e sussurra: aluta continua, la lotta continua.

L’assolo dell’ottone permane nelle risaie e nei campi elisi della mente; ancora acerba.

la vicina siria

La Siria è vicina. Damasco è a tre passi da dove vivo, eppure il mondo si fa lontano da noi, si perde nelle chiacchiere del dopo cena. Imbrocca strade e sistemi che giustifica come se avesse bigiato scuola: siamo fuori la scuola di nostra vita, mentre il muezzin canta disperato per il sangue che stilla dalla sua-mia terra per mano di altri. Canta questo fratello da un minareto immaginario. Sospeso tra corpi esanimi e paura di non farcela. Canta, canta senza voce, il vento secco e ferroso lambisce ogni fibra, i suoi nervi sono corde di liuto dove arpeggia il suo incontenibile canto di dolore. Mentre la Russia si è ingurgitata strade e fagioli e con il suo culo moscio bombarda bambini, anziani, donne e uomini. E continua a mortificare la radice di questo popolo, cercando nel mutismo alleati, nel traffico putrefatto della storia di ieri: l’omertà di oggi. In queste situazioni i sentimenti si frastagliano, gli opposti si attraggono, le parole non servono ma attraverso di loro si può trovare un modo, per farsi rivolo o volano. Le parole sanno essere balsamiche o spigolose.

La lettera che segue è di Khaled Khalifa.

http://www.nazioneindiana.com/2012/02/09/lettera-aperta-agli-scrittori-di-tutto-il-mondo/

il merlo giacobino

Prologo:

Renitente/

serico piumaggio/

assolato e curvo/

aerodinamico/:

s’apostrofa/

Mugghiato da sempre:/

senza mai restare;

sazia la volta/.

In una notte gassosa

Giacobino di nome/

Il merlo

stirò il becco e riscosse;/

Il regno vitale di acqua precipitata.

Monologo:

Finché sono stato in gabbia, ho percepito la vivezza delle ossa coperte dal pennuto che ho dovuto abitare.

L’annaspo è posizione dell’infante, mentre la grazia come la pena è pezza che veste l’anima non il succo.

Io sono un merlo e nelle mie fibra spenzolarmi nella calotta di coscienza, per farlo forzo le scapole, come il nascituro saggia il limite, mentre carponi.

Siamo entrambi migranti come le stelle, il silenzio, il plenilunio.

Il migrante è uccello di frontiera è incapace di restare. Transita: non cessa mai d’essere un clandestino della specie.

Acerrimo volatile della latitudine che a croce di volo, si sospende di traverso, virando nell’ovunque spettina la longitudine che ognór lo respinge.

In quei momenti il tempo smette di ragliare, accade che il precipitante sia intrappolato, ma dove?

Anche quella notte senza restare stavo nel traffico di gravità, sparato dalla calotta e leccato dalla superficie; danzando sopra la piccineria di voi umani, prossimo ad una discarica a cielo capovolto. Che di rosso s’ombreggiò.

Da quella notte il lamento della specie si è avvinghiato al corpo che vesto e nell’infinito si perde.

perché il mare non piange mai?

Mani avvolte nel setaccio di grida disgraziate;

lento è il tempo

seppur veloce

tace forte

se sgràvoglie dint’a ‘stu mare

ca nun tene tiempo

è acqua ca nun so’ nego

ma s’annega sempe ‘e cchiù

chell’idea fissa

po’ s’ammesca

torna

‘e s’annasonne arèto ‘a nisciuno.

finalmente

– Cos’è l’amore? Chiese.

– Uno spavento armonico, rispose.

– che vuoi dire?

– Guarda, imbullonò.

– Non posso, ribadì.

– Perché?

– Mi perdo, disse piano.

– Niente ci può immunizzare dal pericolo, sibilò.

– Lo so, ma non posso lo stesso.

– Perché?

– Ho troppe fate nella testa, troppe coccole nel cuore, ognuna è un viso che ho fatto fuggire.

– Guarda, disse.

– Vorrei piangere.

– Fallo.

– Sarebbe una lacrima in un mare di lacrime antiche.

– Bisognerà pure iniziare a conoscere queste acque che ci portiamo nel petto, disse.

– Ho paura, inchiodò.

– Finalmente, disse.